Articles

Limerick Day

Celebrato ogni anno il 12 maggio. Questo giorno celebra il compleanno dell’artista, illustratore, autore e poeta inglese Edward Lear (12 maggio 1812-gen. 29, 1888). Lear è conosciuto soprattutto per le sue sciocchezze letterarie in prosa poetica e limericks.

Limerick
Un limerick è una poesia molto breve, umoristica, senza senso. Un vero limerick ha cinque linee; la prima, la seconda e la quinta rima l’una con l’altra, e la terza e la quarta rima l’una con l’altra. Oltre alla rima, considera:
– Numero di sillabe. La prima, la seconda e la quinta riga dovrebbero avere otto o nove sillabe, mentre la terza e la quarta riga dovrebbero avere cinque o sei.
– Metro. Un limerick ha un certo “ritmo” creato da come le sillabe sono accentate.
– Metro anapestico – due sillabe brevi sono seguite da una lunga (sottolineata) (duh-duh-DUM, duh-duh-DUM). Ecco un esempio (si noti che l’enfasi cade naturalmente sulle sillabe in corsivo): Era la notte prima di Natale e per tutta la casa
– Metro anfibrachico – una sillaba lunga (accentata) è inserita tra due brevi (duh-DUM-duh, duh-DUM-duh). Esempio: C’era una giovane donna di Wantage
– Le linee possono iniziare su due, uno o occasionalmente senza battiti non accentati. Alcuni preferiscono continuare il ritmo da una riga all’altra, specialmente quando una frase porta attraverso le linee, ma questo non è essenziale.

Ecco uno dei limericks accreditati a Lear:

C’era un vecchio su un albero,
Che era orribilmente annoiato da un’ape;
Quando dissero: ‘Ronza?”
Rispose: “Sì, lo fa!’
‘ È un normale bruto di un’ape!’

Edward Lear
Edward Lear (12 o 13 maggio 1812 – 29 gennaio 1888) è stato un artista inglese, illustratore, autore e poeta, ed è oggi noto soprattutto per il suo nonsense letterario in poesia e prosa e soprattutto i suoi limericks, una forma ha reso popolare. Le sue principali aree di lavoro come artista furono tre: come disegnatore impiegato per illustrare uccelli e animali; facendo disegni a colori durante i suoi viaggi, che rielaborò in seguito, a volte come piatti per i suoi libri di viaggio; come illustratore (minore) delle poesie di Alfred Tennyson. Come autore, è conosciuto principalmente per le sue popolari opere senza senso, che usano parole inglesi reali e inventate.