Articles

Lessons from The Proverbs

Stampa questa pagina

Il libro dei Proverbi si trova all’incirca a metà dell’Antico Testamento subito dopo i Salmi, poco prima dell’Ecclesiaste, composto da 31 capitoli e scritto principalmente da Salomone, l’uomo più saggio che sia mai esistito, a parte Cristo stesso.

È un libro che viene spesso saltato, ma vorrei, brevemente, esplorare questo affascinante libro con voi e mettere in evidenza il suo valore per il servo di Dio, mostrando che se dobbiamo andare sulla nostra vita quotidiana in un modo accettabile e gradito a Dio, allora questa è una sezione della Scrittura che semplicemente non possiamo permetterci di ignorare.

Proverbi è stato scritto intorno al 900 AC principalmente da Salomone, re di Israele e figlio di Davide.

In I Re, capitolo 3, si può leggere come Salomone arrivò ad acquisire grande saggezza. Vedi 1 Re 3: 9-12.

Dio disse a Salomone di chiedere ciò che desiderava più ardentemente. Salomone chiese sapienza per poter governare correttamente e saggiamente il suo popolo. Che lo ha messo nel favore di Dio e gli ha portato ricompense.

E in 1 Re 4: 29 – 34….

Solomon scrisse 3000 proverbi, 1005 canzoni e opere di botanica e zoologia.

Gli sono attribuiti tre libri della Bibbia: Proverbi, Ecclesiaste e il Cantico dei Cantici.

Così, un uomo saggio davvero ed è ovvio che la raccolta di detti attribuiti a Salomone è stato molto più lungo di quanto presentato qui, e le canzoni sono quasi del tutto perso.

Proverbi inizia con un breve prologo, poche parole che trasmettono al lettore lo scopo degli scritti che si trovano nel libro. Diamo un’occhiata a loro.

Leggi Proverbi 1 : 1-7

Il libro dei proverbi può quindi aiutarci

to a formare il giusto pensiero delle cose, e a riempire la nostra mente di idee chiare e distinte, così che possiamo sapere parlare e agire saggiamente.

Anche distinguish per distinguere tra verità e falsità, bene e male – per prendere le parole di comprensione.

E order per ordinare correttamente la nostra conversazione.

Per riassumere dobbiamo leggere e studiare il Libro dei Proverbi:

Per l’istruzione;
Per una migliore comprensione della giustizia, della saggezza, del giudizio e dell’equità;
Per “mettere a punto” la nostra qualità dei pensieri
Per la conoscenza;
Per sviluppare una maggiore discrezione;
Per aumentare l’apprendimento;
Per la consulenza saggia;
Per comprendere i proverbi e le loro interpretazioni;
Per comprendere le parole (insegnamenti) e le oscure parole dei saggi;
Per ascoltare ciò che Dio ha da dire sulle Sue vie.

v. 7 è come un motto per noi. Il timore del Signore è l’inizio della conoscenza; ma gli stolti disprezzano la saggezza e l’istruzione, questo versetto stabilisce il principio che è alla base di tutto il libro.

Segue poi una serie di discorsi riguardanti la saggezza (1:8 – 9:18). Dopo di che, c’è poco flusso di storia, anche all’interno di un singolo capitolo. Tuttavia, gli studiosi riconoscono diverse raccolte separate di proverbi:

I “proverbi di Salomone” (10:1 – 22:16).
“Detti dei saggi” (22:17 – 24:22).
“Altri proverbi di Salomone” (25:1 – 29:27).
I “detti di Agur figlio di Jakeh” (30:1-33).
I “detti del re Lemuel” (31:1-9).
Il libro si conclude con un poema acrostico che elogia le virtù di una nobile moglie (31:10-31).

Ci sono almeno 100 riferimenti a “saggezza”, “saggi” o “essere saggi” in questo libro e non sorprende che Proverbi sia il libro principale in quella che è conosciuta come letteratura della saggezza, con gli altri libri Giobbe ed Ecclesiaste che rientrano nella stessa categoria. I libri della sapienza non pongono l’accento primario su argomenti come il pentimento, la misericordia, l’amore, la fede, la preghiera, la vita eterna o altri argomenti simili riguardanti la salvezza, ma contengono buoni consigli di uso pratico nella vita di tutti i giorni.

Nei Proverbi, troviamo due modi comuni in cui si esprime questa saggezza: il detto e l’istruzione.

La maggior parte dei detti sono lunghi solo un verso. Ad esempio: “Il figlio saggio porta gioia a suo padre, ma il figlio stolto affligge sua madre” (10,1) o “L’uomo generoso sarà egli stesso benedetto, perché condivide il suo cibo con i poveri” (22,9). Questi detti non sono tuttavia leggi, ma principi generali basati su un’attenta osservazione dell’esperienza umana.

Un’istruzione potrebbe estendersi su un intero capitolo — capitolo 7, ad esempio. Le istruzioni possono fornire direttive positive, come ad esempio: “Onora il Signore con i tuoi beni, con le primizie di tutti i tuoi raccolti; allora i tuoi granai saranno pieni fino a traboccare, e i tuoi tini saranno pieni di vino nuovo” (3:9-10). O possono essere proibitivi, come: “Non gongolare quando il tuo nemico cade; quando inciampa, non gioire il tuo cuore, o il Signore vedrà e disapproverà e allontanerà la sua ira da lui” (24:17-18).

Poiché la preoccupazione principale nei Proverbi non è teologica, il libro non parla molto di Dio. Nondimeno, Proverbi sottolinea che la sapienza e la conoscenza sono fondate nel rispetto di Dio. Il timore del Signore è il principio dominante nei libri della sapienza e ovunque gli uomini si trovino, ovunque si riuniscano, la sapienza, che si basa sul timore del Signore, grida di essere riconosciuta, accettata e permessa di guidare e dirigere la vita degli uomini.

I principi contenuti all’interno, si applicano a tutte le persone. Nessun passaggio è rivolto esclusivamente all’ebraico e il tono del libro è universale in tutto…. Il suo insegnamento è applicabile a tutti gli uomini in tutto il mondo ed è vero per la vita in generale e non di un particolare popolo o terra. Proverbi è il manuale di vita pratica, valido per tutte le età.

Molti argomenti vitali sono affrontati nei Proverbi, ma le informazioni su qualsiasi argomento sono sparse in tutto il libro. Mi piacerebbe scegliere e approfondire un tema, uno che fornisce una ragione fondamentale per cui stiamo guardando i Proverbi – e questo è qualcosa chiamato i sette abomini. Le sette abominazioni riassumono magnificamente il motivo per cui dovremmo essere affascinati dal libro dei Proverbi mentre evidenziano il tema chiave del peccato, ma non solo, l’intera ragione di questo libro è di fornirci la saggezza per vincere il peccato e in particolare per superare queste abominazioni che il Signore detesta così tanto.

153 versetti nei Proverbi fanno riferimento al peccato e all’iniquità che è definita nella Bibbia come la violazione della legge di Dio.

Lasciate che hanno un occhiata a questo passaggio… Proverbi 6 v 6 – 23

La sezione che inizia a v 16 è una nuova sezione, ma non è un nuovo soggetto, ed è essenzialmente una continuazione dal precedente capitolo, e se dobbiamo guardare al versetto 12 a trovare il contesto, che uomo cattivo è, letteralmente, un uomo da Nulla”, o “l’uomo dell’iniquità’. Il nome Belial è spesso usato nell’OT per trasmettere un senso di inutilità, malvagità o un uomo di nessuna utilità per Dio. Non c’è alcun suggerimento che sia un nome proprio, nello stesso modo in cui Satana non è un nome proprio (che significa semplicemente avversario) and e più tardi, in 2 Cor 6:15 leggiamo what E quale concordia ha Cristo con Belial? o che parte ha chi crede con un infedele?

Che potremmo leggere come what che amicizia ha Cristo con gli empi e gli empi?

v. 16-Queste sei cose il Signore odia: sì, sette sono un abominio per lui.

La parola abominazione è definita come: “Estremo disgusto e odio, aborrimento, detestazione, disgusto. Queste sette cose che seguono sono tutte da trovare in un uomo di Belial, e il Signore li detesta tutti.

In sintesi le sette abominazioni sono (v17-19):

Altezzoso occhi
Una lingua bugiarda
Mani che versano sangue innocente
Il cuore che escogita malvagi immaginazione
Piedi che sono veloci nel correre al male
Una falsa testimonianza
Uno che semina discordie tra fratelli

Questo può sembrare un soggetto negativo, ma d’altra parte abbiamo una positiva e definitiva dichiarazione che il Signore odia queste cose, e questi sette mali sono così importanti nel mondo, si farebbe bene a guardare a loro per un po ‘ in tutta la loro bruttezza, in modo che possiamo odiare anche loro. Anche se noi chiamiamo questi i sette abomini, è possibile leggere in loro che il Signore odia i primi sei e il settimo è uno che detesta veramente. Non importa però, sappiamo che li odia e queste non sono le uniche cose che sono rivendicate come un abominio al Signore dallo scrittore. Abbiamo anche lips

Labbra bugiarde 12:22
Il sacrificio dei malvagi 15:8
La via dei malvagi 15:9
Colui che giustifica i malvagi 17:15
Colui che condanna i giusti 17:15
Pesi e misure divers 20:10, 23.

all tutti questi sono un abominio per il Signore.

Tornando alla nostra lista originale, non è difficile vedere questi mali nella gente del mondo.

Gli occhi superbi o superbi sono odiati da tutti quelli che sono guardati da loro, anche quelli con gli occhi superbi li odiano quando sono guardati da loro. Gli occhi superbi sono un’odiosa assunzione di superiorità da parte dell’uomo debole e sciocco.

Una lingua bugiarda è condannata – anche dai bugiardi. A nessuno piace trattare con il non veritiero, e anche il più falso di solito conservano un certo grado di valori, abbastanza per non gradire essere etichettato come un bugiardo. Ma non è solo una bugia a titolo definitivo che dovremmo essere preoccupati, politici e avvocati forse, che sono ben noti per distorcere la verità o piegarla, si risentirebbero del suggerimento che sono bugiardi, ma una leggera esagerazione può avere tutti gli effetti di una bugia, e un po ‘ può essere peggio di un sacco. Un’esagerazione grossolana, ad esempio, non causa molti danni. Si tratta di una forma sciocca di discorso senza dubbio, ma non è impostato per ingannare. Una leggera esagerazione d’altra parte è spesso creduto e può essere trasmesso più e più volte, esagerato un po ‘ di più ogni volta e una menzogna distruttiva è prodotto. Bisogna fare attenzione a dire la verità e solo la verità.

Il nostro terzo elemento della lista sono le mani che versano sangue innocente. C’è come sempre una disponibilità a condannare tale violenza, ma ci vuole solo un po ‘di orgoglio e di eccitazione nazionale, e un po’ di avidità nazionale e molti sono tutti disposti a gettare i loro valori e il rispetto per il prossimo. Pensate alla violenza che abbiamo visto negli ultimi anni alle partite di calcio, pensate alle recenti rivolte a Londra per quanto riguarda le tasse universitarie.

Che ne dite di più vicino a casa, e l’alcol alimentato rapine e omicidi sulle nostre strade? Che ne dite delle bande di giovani che predano innocenti e vulnerabili mentre tornano a casa a tarda notte?

Se chiedeste a questi criminali se erano capaci di uccidere, direbbero di no, ma li metterebbero nella situazione sbagliata e gli uomini che non hanno alcuna lite personale e sono innocenti di offesa l’uno contro l’altro si affretteranno a spargere sangue innocente, indipendentemente dall’età o dal sesso.

Tu dici: ‘non avremmo mai commesso un omicidio’. Ma, stiamo attenti a non commettere omicidio nel nostro cuore, e saremmo saggi ad ascoltare le parole di Giovanni in 1 Giovanni 3:15, “Chiunque odia il suo fratello è un assassino”

Un cuore che deviseth immaginazione malvagia è quarto. Si potrebbe pensare che questo è lo stesso come la lingua che giace, ma non è proprio la stessa. Mentre molte malvagie immaginazioni sorgono attraverso la lingua bugiarda, è possibile che pensieri molto malvagi non raggiungano mai la lingua o diventino anche un’azione.

Anche i più attivi sono a volte fermi e i più loquaci a volte silenziosi, ma i nostri pensieri e le nostre immaginazioni sono sempre con noi, anche quando dormiamo. Anche se le nostre azioni esteriori possono essere giuste, eseguendo le leggi di Dio, per tutto il tempo possiamo edificare pensieri sbagliati nel cuore e Dio che guarda il cuore sarà dispiaciuto di ciò che vede.

I piedi che sono veloci nel correre al male sono prossimi. Questo descrive la persona che si affretta a realizzare i loro piani malvagi. Non solo escogitano malvagi propositi, ma mettono in pratica anche i loro cattivi pensieri. Una cosa è pianificare il male e un’altra cosa è fare effettivamente il male. Noterai che questi sono “veloci” per correre al male. Senza dubbio il pettegolo si adatterebbe bene qui. Colui che ascolta una storia succosa (che può o non può essere vero) e rapidamente si affretta a ripetere ad un altro.

Il sesto è un falso testimone che dice menzogne. Mentre essenzialmente lo stesso della lingua sdraiata, questo si riferisce a un particolare aspetto della menzogna. Si potrebbe mentire per salvare se stessi o la loro reputazione, e di solito la loro potrebbe essere una certa misura di scusa. Un testimone però è qualcuno che si trova in una posizione di responsabilità, sia in un tribunale di diritto o nella chiesa per esempio, ma come seguaci di Cristo c’è una responsabilità estremamente pesante su di noi come testimoni di Cristo. Non dobbiamo né trattenere alcuna verità vitale né proporre nulla di falso quando si tratta della parola di Dio.

La Legge di Mosè parlava su questo argomento: “Non renderai falsa testimonianza contro il tuo prossimo” (Esodo 20: 16). Quando Gesù fu portato davanti a Caifa sotto processo, c’erano falsi testimoni che testimoniarono contro di lui. Leggendo da Matteo 26:59-60, “Ora i capi sacerdoti, gli anziani e tutto il sinedrio cercarono falsa testimonianza contro Gesù, per metterlo a morte; ma non ne trovarono; sì, sebbene molti falsi testimoni fossero venuti, ma non ne trovarono nessuno”

Non poterono trovare nulla di male in Gesù, così fecero venire falsi testimoni per parlare contro di lui.

Nel caso di Stefano in Atti 6, “E hanno suscitato il popolo, e gli anziani, e gli scribi, e sono venuti su Stefano, e lo prese, e lo ha portato nel sinedrio, e istituito falsi testimoni” (Atti 6:12-13). Dio odia, Dio disprezza colui che mente, specialmente colui che rende falsa testimonianza.

Il settimo, e probabilmente il più abominevole di tutti è colui che semina discordia tra i fratelli. Noterete che questa persona è descritta come colui che ” semina.”Il seminatore fa piani; deve coltivare e preparare il terreno. Poi sparge il seme. Il suo lavoro è premeditato. Questo è il modo in cui lo scrittore descrive colui che diffonde discordia tra i fratelli. Ci sono alcuni che se non possono avere la loro strada cercheranno di distruggere. Non possono controllare ciò che sta accadendo, quindi vanno a screditare o diffamare gli altri. E in genere commettono le altre abominazioni in anticipo, in quanto offrono menzogne e falsità.

Dio odia tutti i peccati, ma questi sono sette peccati in particolare che il Signore descrive come un abominio per lui. Ognuno di noi deve stare in guardia contro questi peccati. Noterete che ognuno di questi può essere attribuito a originare dal cuore. È dal cuore che sorgono pensieri e azioni malvagie, e spesso in congiunzione con la lingua o i piedi rapidi, i pensieri malvagi vengono messi in atto. I proverbi parlano molto del cuore e della lingua.

Oltre 70 riferimenti al cuore.

Ci sono i foolish hearts-Pro 11: 20, Pro 12:20, Pro 26:22-25 per esempio.

Le parole di un sussurratore sono come bocconcini deliziosi; scendono nelle parti interne del corpo. Come la glassa che copre un vaso di terra sono labbra ferventi con un cuore malvagio. Chi odia, si traveste con le labbra e nasconde l’inganno nel suo cuore; quando parla con grazia, non credergli, perché ci sono sette abominazioni nel suo cuore

Ma non temere perché Proverbi ha anche parole da dire sui cuori saggi: Pro 15:28, Pro 16:21,23, Pro 23:15.

Questi sono solo alcuni riferimenti e vi incoraggio a guardare fuori per il resto per voi stessi.

Un cuore saggio si prenderà cura di tutto, se il cuore è pieno della sapienza di Dio allora tutto il resto andrà a posto, e questo è il motivo per cui dovremmo essere così interessati al libro dei Proverbi. Non posso sottolinearlo abbastanza… Se prendiamo a cuore i detti di questo meraviglioso libro di saggezza, non ci sarà alcun male nei nostri cuori, la nostra lingua sarà domata, parlando solo verità, e i nostri piedi saranno veloci per compiere l’opera del Signore.

Cosa dovresti fare se vuoi questa saggezza? Molto convenientemente Proverbi capitolo 2 rispondere a questo per noi. (2:1-4)

Accetta la parola di Dio (2:1).
Memorizza i suoi comandi. (2:1).
Sviluppa un “orecchio” per la saggezza (2:2).
Imposta il tuo cuore per ottenere comprensione (2:2).
Chiama-grida ad alta voce per la comprensione (2:3).
Cercalo come se fosse un tesoro (2:4).

Ci sono promesse e ricompense per voi se cercate la saggezza: (2:5-9)

Comprenderete il timore del Signore (2: 5).
Troverete la conoscenza di Dio (2:5).
Dal Signore verranno la conoscenza e la comprensione (2:6).
La vittoria è in serbo per i retti (2: 7).
Dio sarà uno scudo per chiunque il cui cammino è irreprensibile (2:7).
Dio custodisce e protegge i fedeli (2: 8).
Capirai ciò che è giusto e giusto (2:9).

Perché abbiamo bisogno di questa saggezza? (2:10-12)

La saggezza entrerà nel tuo cuore (2:10).
La conoscenza sarà piacevole per la tua anima (2:10).
La saggezza e la comprensione ti proteggeranno (2:11)
E ti libereranno dalle vie malvagie dell’uomo (2:12)

Senza sapienza si è tenuti a seguire le vie degli uomini e delle donne malvagi, come chiaramente affermato nei Proverbi: gli empi seguiranno la via della morte, ma i saggi seguiranno la via della vita eterna.

Ciò che alla fine accade ai saggi e ai malvagi non è un argomento che ho trattato qui. Permettetemi però di assicurarvi che, senza saggezza, la loro non sarà salvezza… e ricordate il nostro versetto chiave del primo capitolo dei Proverbi (v. 7)

Il timore del Signore è l’inizio della conoscenza; gli stolti disprezzano la saggezza e l’istruzione.

C’è un’innegabile ricchezza di consigli da trovare in questo libro, e risposte sane e sensate a ogni sorta di difficoltà complesse si trovano all’interno dei suoi trentuno capitoli. Certo, Proverbi è il più grande libro “Come vivere” mai scritto e quelli che hanno il buon senso di prendere a cuore le lezioni del saggio re Salomone scopriranno presto che la pietà, la prosperità e la contentezza sono loro per la domanda.

(Visitato 5.442 volte, 1 visite oggi)