Articles

Che cosa sono i buoni dati? E 5 Modi per sfruttare i dati per aumentare i profitti

Al fine di sfruttare i dati, le aziende devono avere accesso a informazioni di qualità provenienti da varie fonti che forniscono metriche di impatto da cui possono costruire un piano d’azione.
Raccogliere informazioni non è difficile, soprattutto con la tecnologia moderna che consente agli utenti di cercare attraverso milioni di fonti in pochi secondi. Tuttavia, filtrare buoni set di dati che forniscono informazioni utili può essere un’attività più completa.
Pertanto, le organizzazioni dovrebbero comprendere gli elementi essenziali dei buoni dati e imparare come sfruttare queste informazioni per promuovere vendite e profitti.

5 Caratteristiche di buoni set di dati

5 caratteristiche dei buoni set di dati 1596000446 2897

A prima vista, la raccolta di big data può sembrare semplice in quanto gli utenti possono inserire parole chiave nei motori di ricerca per popolare contenuti esterni pertinenti. Tuttavia, ci sono caratteristiche chiave che i set di dati devono possedere per assicurarsi che possano essere convertiti in analisi aziendali e approfondimenti sui dati.
I 5 elementi di un buon set di dati includono-
1. Consolidamento completo dei dati
Al fine di ottenere una visione inclusiva di un’azienda o di un’operazione specifica, le informazioni devono essere raccolte da un’ampia varietà di fonti di dati. La ricerca di prospettive nuove e diverse fornisce un set di dati più contesto, creando approfondimenti completi e fruibili.
2. Riduzione dei dati ripetitivi
Riducendo al minimo i duplicati, gli analisti possono setacciare in modo efficiente una raccolta di dati senza dover ripetere le analisi. I duplicati possono ritardare l’integrazione dei dati aggiungendo informazioni ripetitive, ostacolando il flusso di lavoro.
3. Standardizzazione per l’accessibilità dell’utente
I dati che provengono da fonti disparate tendono ad essere formattati e strutturati in modo diverso, rendendo difficile la digestione. Pertanto, le informazioni dovrebbero essere organizzate per garantire che siano complete per l’utente.
4. Tempo di risposta rapido
Alcune informazioni utili sono sensibili al tempo e pertanto richiedono un accesso rapido ai dati in tempo reale. Avere un tempo di risposta rapido consente un rapido processo decisionale basato su informazioni accurate, promuovendo la funzionalità.
5. Facile integrazione
Le informazioni bloccate nel suo sistema di origine non sono di alcuna utilità per le aziende e non possono essere generate in ulteriori report e analisi dei big data. Integrando i sistemi esistenti, i dipendenti non devono passare al setaccio le soluzioni per raccogliere manualmente i dati. Invece, il software di integrazione estrae e consolida automaticamente le informazioni, evitando errori umani e migliorando il flusso di lavoro.

5 Modi in cui le aziende possono sfruttare i propri dati

5 modi in cui le aziende possono sfruttare i propri dati 1596000446 6944

L’utilizzo dei dati consente alle aziende di trasformare le informazioni grezze in informazioni utili e fruibili. Al fine di sfruttare con successo i dati, le organizzazioni devono imparare a raccogliere, analizzare e presentare le informazioni in modo efficace.
Le aziende possono utilizzare queste cinque tattiche per sfruttare correttamente i propri dati interni –
1. Utilizzare i dati per stabilire il marchio aziendale
Senza una raccolta di metriche nel tempo, le aziende rimangono ignare delle tendenze costanti ed emergenti nei loro settori. Questi modelli aiutano a definire i punti di forza e di debolezza di un’azienda, consentendo all’azienda di implementare nuovi sforzi per stabilire meglio l’identità del proprio marchio e evolversi con le tendenze in evoluzione.
Ad esempio, uno studio di Mint.com nel 2009 ha dimostrato che Redbox è stato il fornitore di noleggio DVD più popolare sul mercato, mentre Netflix è stato il meno successo. Tuttavia, Netflix da allora ha rinominato la propria azienda, non fornendo più il noleggio di DVD ma dominando l’industria dei servizi di streaming virtuale.
2. Creare presentazioni e report di grande impatto
Molte aziende semplicemente inseriranno le loro metriche e grafici in un modello predefinito per creare presentazioni. Mentre questo può risparmiare tempo speso per la preparazione, utilizzando lo stesso metodo di reporting diventa rapidamente poco interessante. Anche se le informazioni in primo piano è innovativo, una presentazione ripetitivo o noioso sarà smorzare il suo impatto.
Pertanto, lo sviluppo efficace di un report completo e accattivante con contesto, metriche complete e scenari garantisce che il significato dei dati sia chiaro e di impatto.
3. Utilizzare le visualizzazioni in iniziative di marketing
Gli aiuti visivi sono ottimi strumenti per attirare l’attenzione e organizzare i dati in formati digeribili. Gli studi dimostrano che le visualizzazioni dei dati attirano 30 volte più attenzione da parte del pubblico rispetto ai report testuali standard e hanno maggiori probabilità di diventare virali a causa della loro condivisibilità.
I grafici a linee possono visualizzare una quantità significativa di dati quantitativi per mostrare la progressione nel tempo, mentre i grafici a barre possono organizzare le metriche in base a funzioni o elementi specifici per mostrare le loro prestazioni individuali.

5 modi in cui le aziende possono sfruttare i propri dati 1596000446 7817

4. Prendere decisioni basate sui dati
La business intelligence promuove decisioni basate sui dati per migliorare la funzionalità dei reparti, come le vendite e il marketing. Monitorando le metriche o gli indicatori chiave di performance (KPI), le aziende possono analizzare le prestazioni di varie operazioni per definire quali funzioni devono essere migliorate. Queste informazioni grezze possono quindi essere convertite in informazioni utili e analisi dei dati per aiutare i team di gestione a sviluppare un piano d’azione.
Ad esempio, se un’azienda lancia due promozioni contemporaneamente, deve monitorare le prestazioni di ciascuna attraverso le vendite, il comportamento dei clienti e le fluttuazioni della domanda. Senza un’adeguata analisi dei dati, i team di marketing non possono definire quale strategia è efficace e quali elementi devono essere modificati.
5. Open Data to Outside Programmers
Alcune aziende hanno ospitato quello che è noto come” hackathon ” dove pubblicano i loro dati grezzi, consentendo ad analisti e programmatori esterni di manipolare ed esplorare le informazioni. Mentre è ancora un concetto insolito, questo consente alle aziende di guardare il contenuto attraverso un nuovo obiettivo senza alcuna o limitata spesa aggiuntiva.
Yahoo è noto per aver tenuto il primo evento hackathon e lo pratica ancora regolarmente. Quando Facebook è stato lanciato, hanno promosso un hackathon per tutti i dipendenti da cui sono state sviluppate funzionalità moderne come il pulsante Mi piace, la timeline e la chat. Questi eventi hanno permesso ai creativi di portare idee nuove e innovative alle aziende che cercano una nuova prospettiva.
Le aziende che raccolgono informazioni da fonti interne ed esterne devono imparare come sfruttare i dati a proprio vantaggio. I buoni set di dati possono contenere informazioni cruciali sui successi e gli errori di un’organizzazione che possono migliorare la produttività ma possono rimanere inefficaci senza un uso corretto. Pertanto, le aziende dovrebbero sforzarsi di raccogliere, analizzare e convertire informazioni di qualità in informazioni utili per promuovere il processo decisionale basato sui dati.